Archivio della categoria: artisti uniti

impoverished society

società impoverita arte involontaria

Adoro perpetuare gentilezza, mi entusiasma qualsiasi incontro che riporti all’affetto del nido. Mi dispiaccio per quanti ancora disconoscono la natura dell’amore, unico nutrimento reale dell’essere consapevole.

Radici ricoperte da colate di cemento, credo sia la rappresentazione del totale decadimento, una volta anche se abbandonata la natura metteva ordine. Catania, Piazza Abramo Lincoln

Radici ricoperte da colate di cemento, credo sia la rappresentazione del totale decadimento, una volta anche se abbandonata la natura metteva ordine. Catania, Piazza Abramo Lincoln

I, you and he

“Un incontro, quello di Claudio Arezzo di Trifiletti e Alfredo Gugliemino, fortuito e improvviso, come una folata di vento che muove le forme dei sogni, le traiettorie e le fila dei colori e delle luci, verso la ricerca continua di un contatto, di un segno, di una risposta. Un incontro, un omaggio. La passione sempre. L.occasione di questo incontro è dato dal Caffè Pulp, luogo d.incontro per vocazione, e dove “Io, tu e lui – I, you and he “75””, incontrano già le luci di Alessandro Arena e Ladyled proseguendo il loro sogno infinito: He! E dove .he. siamo Noi. (a.p)

Caffè Pulp

Caffè Pulp al Dalia Azzurra – piazza Vittorio Emanuele n. 30 Catania

claudio arezzo di trifiletti, alfredo guglielmino

Tempi saturi di apparenti comunicazioni, disgregazione di un meccanismo che vuol rottamare, trasformare in rifiuto la memoria presente, per rimpiazzarla con simboli contemporanei. Questo non è presente siciliano, risalta invano la terracotta solcata con mano, il vino sorseggiato da cuore umano, l.amicizia viva passione, senza cambio di stagione. Nessuno dorma, la legna continua a bruciare, mentre il fuoco continua a parlare, riscaldare il sogno di chi vuol volare, senza rapace diventare. Io tu e lui, è un incontro attraverso il sogno, quella parte fondamentale della vita, per cui ogni attimo siamo disposti a continuare a respirare, amare, viaggiare attraverso un filo che si incontra, un filo d’oro.